3 giorni alla Mediofondo Città di Ruvo di Puglia. Al via anche Tommaso Elettrico

avis-1-copertina

Le grandi emozioni del ciclismo tornano a far capolino nella città di Ruvo di Puglia. Domenica 9 ottobre la città rubastina sarà teatro di una delle classiche a due ruote del territorio murgiano: sul tradizionale percorso che avvolge le Murge come in un cuore i cicloamatori si sfideranno per la conquista della Mediofondo Ruvo di Puglia, dedicata per la prima volta alla memoria di Nicola Di Franco.

Organizzata dall’attivissima AVIS Bike Ruvo sotto l’egida della CSAIN, la manifestazione si colloca quest’anno a fine stagione, rendendo felici tutti coloro che proprio non ce la fanno a scendere di sella. Scherzi a parte, sarà un po’ la piccola classica delle “Foglie Morte”, il nostro Giro di Lombardia. Per la prima volta con lo status di “Mediofondo” (il chilometraggio storico è stato aumentato di una decina di chilometri) il memorial Nicola Di Franco si disputerà sulla distanza di 91,5 km coprendo un dislivello tondo: 1000 metri.

Su e giù per le asperità dei colli murgiani, percorrendo le strade più paesaggistiche del Parco, il tracciato parte dal centro della città di Ruvo e si indirizza verso il Castel del Monte. In corrispondenza della SP 19 per San Magno brusca svolta a sinistra per cominciare l’ascesa della temuta “Strazzàcappiedde” (Serra Stracciacappello, 3 km al 7% medio con picchi del 12%) sulla cui sommità (475 m slm) è posto il traguardo volante. Superata la pittoresca “Pescara degli Antichi”, in territorio di Corato, si continuerà l’ascesa verso i 600 metri di Masseria di Cristo, per poi tornare, mediante la via nuova per Poggiorsini (Sp 39) in un tratto completamente esposto ai venti, sulla via per Gravina. La seconda parte di percorso, che riporta il gruppo verso Ruvo, seppur semplice dal punto di vista altimetrico nasconde molte insidie. Ce lo spiega Tommaso Elettrico, che insieme all’amico Bartolo Lucarelli è uno degli ospiti d’eccezione per questa gara: «Circa il percorso, che è un classico per gli allenamenti in area murgiana, penso verrà fuori una corsa abbastanza veloce ma nervosa, a causa delle varie ondulazioni, non impegnative dal punto di vista altimetrico ma comuqnue presenti e numerose. E poi c’è il fattore vento, che in quella zona è sempre molto forte. L’arrivo è soprattutto per gente scattiste e quindi domenica potremmo attenderci al traguardo l’arrivo di  gruppetto che si giochi tutto in una volata ristretta».

L’arrivo è infatti altamente spettacolare. Un rettilineo di 500 metri su via Cairoli, con l’ultimo tratto con il naso all’insù per superare il duro e caratteristico strappo.

6

La presenza di un atleta del calibro di Elettrico, 5 Gran Fondo vinte quest’anno (Leopardiana, Cerignola, Monopoli, Nibali solo per citare le ultime quattro), regala un tocco di passione alla sfida. Cosa lo ha portato ad essere al via? «Ci ho tenuto a partecipare per l’amicizia che mi lega con Antonio Giaconella, oltre al fatto che, attraversando un buon periodo sia fisico che mentale, la voglia di far fatica ancora non è terminata – ci spiega – E quindi sfrutto queste ultime due domeniche per rispettare l’amicizia che mi lega, in questo caso con Antonio, che è uno degli organizzatori, e per la prossima settimana con gli amici di Francavilla Fontana che hanno messo su una bella manifestazione anche nelle loro terre».

A spiegarci la bellezza e i retroscena della manifestazione rubastina è il presidente dell’Avis Bike Giacomo Brucoli: «Per la città di Ruvo di Puglia questa è la prima mediofondo nel senso proprio del termine. La dedichiamo a  Nicola Di Franco – racconta con commozione – un nostro ex presidente che purtroppo non c’è più. Il percorso rispecchia quello delle edizioni precedenti, ma, allungandolo di una decina di km, lambendo anche i territori di Gravina e Altamura, lo abbiamo reso classificabile come mediofondo e quindi più prestigioso».

Qual è l’approccio della città di Ruvo a un simile evento? «C’è sempre stata disponibilità e simpatia della città di Ruvo verso il mondo della bicicletta; è una manifestazione molto sentita»

Arrivo e base logistica sono infatti allestiti in Corso Cavour, nei pressi del Bar Roma, nel cuore della città. Il traffico veicolare sarà interdetto per tutta la durata della manifestazione per la sicurezza di tutti i partecipanti, a maggior ragione per il previsto arrivo in volata.

Quanti sono i tesserati dell’Avis bike? Che associazioni vi darànno una mano per l’organizzazione della gara? Quanti iscritti attendete? «I tesserati dell’Avis Bike sono circa 70. Ci aiuteranno l’associazione nazionale Carabinieri di Ruvo, l’associazione nazionale Polizia di Stato di Terlizzi, l’associazione Servizio Emergenza Radio di Ruvo, le Guardie Ambientali di Corato e l’associazione vespa club di Ruvo. Con questa macchina organizzativa si spera di superare quota 200 iscritti (oggi 147)».

«Questa mediofondo fa parte di un mio progetto lanciato tre anni fa, che prevede, per ogni anno sociale dell’Avis Bike, una gara, una ciclo-turistica e una serie di manifestazioni per i bambini – gli fa eco il vice presidente Stefano Rutigliani – E nel presidente Brucoli, che vivamente sento di ringraziare, io ho trovato il pieno appoggio per fare questo. Noi organizziamo anche diverse uscite serali e, in occasione della sagra del fungo cardoncello, è in previsione una ciclo-turistica».

Ricco anche il pacco gara, destinato a ogni singolo partecipante. I ciclisti vi troveranno vino, sali minerali, gel energetici, busta di caffè, taralli, pasta, confezione di muffin. E poi al termine, prima delle ricche premiazioni, un succulento pasta party curato dallo chef con orecchiette, salsiccia, prosciutto, pane vino dolce e caffè finale. Insomma, un grandissimo momento di festa per tutto il mondo delle due ruote del nord Barese. Un evento da non perdere! E quindi #staytuned #stayelectric
INFORMAZIONI UTILI:

Iscrizioni:                 sul portale Icron.it (che cura anche il cronometraggio)
Quota di iscrizione:             20 fino al giorno della manifestazione (si può effettuare anche attraverso
C/C postale n.001018743789 intestato ad AVIS BIKE RUVO – Corso                                          Gramsci, 27 -70037 – Ruvo di Puglia con causale “Iscrizione Medio Fondo                                  Città di Ruvo di Puglia”). La ricevuta va presentata la mattina prima del ritiro                             chip. Iscrizione gratuita per le donne.

Orario Ritrovo:         ore 7:00
Partenza:                   ore 9:00
Traguardi volanti:    GPM di Serra Stracciacappello al km 15 (475 m slm) – 1° uomo e 1^ donna.
Premi speciali:          Società più numerosa

 

 

 

Lascia un commento