Batterie quasi cariche per il Principe

Tommaso Elettrico allenamento

Negli ultimi giorni la Puglia si è tinta di rosa al passaggio del centesimo Giro d’Italia, regalando attimi di autentica euforia agli amanti delle due ruote, e non solo. La possibilità unica di stare a stretto contatto con i campioni è una delle magie che rendono uniche il ciclismo, che avvicinano tifoso ed atleta stretti nel vincolo della stessa, travolgente passione.

Ma l’entusiasmo per la Corsa Rosa non è riuscito comunque a far dimenticare che da qualche giorno non si sente più nulla di Tommaso Elettrico, il Principe materano che ha letteralmente dominato la prima parte della stagione granfondistica. Oggi che è lunedì, pausa del Giro e pausa della bici in generale si sente forte la sua mancanza. Che fine ha fatto?

Tranquilli, non è disperso, ma soprattutto non è assolutamente sazio della cinquina di inizio stagione (GF Firenze, GF Perini, GF Novi Ligure, GF Davide Cassani e GF Termoli). Si sta ricaricando, come ogni essere umano fatto di muscoli, cervello e ossa, per tornare più carico che mai all’appuntamento con gli obiettivi cardine di stagione.

«Sono stato un po’ in giro, allenandomi in diverse parti del nostro Meridione, per rifinire la preparazione – ci spiega Tommaso – Dopo la Gran Fondo di Firenze ho riposato una settimana e ho staccato del tutto la spina. Al che ho iniziato nuovamente a mettermi a duro lavoro per quelli che saranno i prossimi obiettivi, partendo dalla Nove Colli del 21 maggio. Poi, subito dopo, mi aspetta un periodo sulle Dolomiti per allenarmi 15 giorni sul passo San Pellegrino».

Un programma coi fiocchi, dunque. Forse anche più impegnativo delle semplici gare. Perché non è facile tenere alta la motivazione, continuare a faticare seriamente (come le Dolomiti impongono) e scacciare il fantasma della pancia piena, della soddisfazione. Chi si accontenta gode – canta Ligabue – così così. Appunto per questo il Principe non è ancora contento e nel suo mirino ha già quelle che saranno senz’ombra di dubbio le granfondo più dure dell’anno, Sportful, Maratona delle Dolomiti, Charly Gaul.

«Tracciando un resoconto di quanto fatto non posso che essere felice – conclude il Principe prima di rimontare in sella con la maglia CPS sfavillante al sole – ora mi sto rigenerando e sono a pieno regime. Punto alle gare dure. E comincerò presto, con la Nove Colli, anche se – ci confida – essendo la gara del rientro non mi aspetto niente di che. La prendo per buona come viene».

Ci siamo quasi, #Staytuned #stayelectric

Lascia un commento