Sullo strappo di Altamura arriva la settima perla elettrica.

Ci eravamo dati appuntamento a domenica 17 settembre sperando in buone notizie in quella che per il Principe è praticamente quasi una gara di “casa”, sia per la vicinanza con la sua Matera, per i percorsi calcati migliaia di volte, ma anche perché ad Altamura è cominciata, quasi dieci anni fa, la sua avventura nel mondo delle granfondo.
E la bella notizia è arrivata puntuale, con la settima perla stagionale conquistata tra due ali di pubblico in festa. È la prima in terra di Puglia per questo 2017, una corsa alla quale lo stesso Tommaso Elettrico aveva dichiarato di tenere in modo particolare per via dei tanti suoi tifosi presenti.

«Una gara in cui ci tenevo particolarmente perché a pochi chilometri da casa – conferma il Principe – con tanta gente a seguirmi sul percorso e all’arrivo. Percorso molto veloce, caratterizzato da un forte, incessante, vento. C’era poco dislivello e posso definire le salite abbastanza pedalabili. Quindi è stata una gara tattica, perché come sempre la corsa è fatta prima dai ciclisti e poi dal tracciato».

Se il percorso non presentava punti in cui far la differenza, l’arrivo sembrava essere cucito su misura delle gambe del materano: in salita e in salita tosta, vera. «Un arrivo davvero bello, caratteristico e soprattutto adattissimo a me, con uno strappo del 20% nel finale. Molto simile a quello di Firenze (2015 e 2017), direi. E se a Firenze ho vinto due volte – ride – non potevo non trionfare anche ad Altamura».

La corsa si è sviluppata con una lunga fuga partita sin da subito, dopo 10 km. Con Elettrico già in avanscoperta il drappello ha raggiunto prima il numero di tre e poi di 5. Di comune accordo sino alla resa dei conti, sotto l’erta conclusiva, dove il materano ha affondato l’attacco decisivo su Marco Larossa e Ciro Greco. «Settimo successo, credo che una stagione splendida come questa l’ho raramente vissuta in tanti anni di ciclismo». Una corsa tutta particolare, dunque, e un po’ speciale in chiave 2018, perché Tommaso ha avuto modo di saggiare da vicino le potenzialità dell’ottima gamba di Marco Larossa, secondo al traguardo. Il tranese, neo acquisto dell’ASD Pedale Elettrico per la prossima stagione ha mostrato l’ottimo stato di forma anche al cospetto del Principe.

La caccia alla perla numero 8 è aperta e il record di 10 vittorie del 2010 è nel mirino. E ora si gioca in casa CPS, a Fisciano, domenica prossima. #staytuned #stayelectric.

Lascia un commento